PARERE

Dettaglio parere dell'Avv. Maurizio Villani in materia fiscale e tributaria

14/07/2005

Rinnovo istanza di attribuzione credito d'imposta nuovi investimenti - rideterminare l段mporto del credito richiesto

Quesito

La ditta X ha acquistato attrezzature in data 11/06/2004 a seguito di rinnovo dell段stanza di attribuzione del credito d段mposta per investimenti nelle aree svantaggiate accolta in data 29/01/2004 per l段mporto di euro. 45.000,00 ed un credito d段mposta richiesto di euro. 19.125,00.

Considerato che l段mporto delle attrezzature acquistate pari a euro. 41.400,00 chiedo di sapere se e come andare a rideterminare l段mporto del credito d段mposta richiesto.

Ringraziandola per la sua disponibilit e competenza, voglia gradire i miei pi cordiali saluti.
Prov. Agrigento

Parere

Egregio Dottore, in merito al quesito che mi ha posto, Le preciso che, nel caso da Lei segnalato, applicabile l誕rt. 62, comma 1, lettere d), f) e g) della legge n. 289 del 27/12/2002, nel senso che bisogna rispettare i limiti di utilizzazione minimi e massimi pari, in progressione, al 20% ed al 30% nell誕nno di presentazione dell段stanza, al 60% ed al 70% nell誕nno successivo ed al 100% nel terzo ed ultimo anno.

Secondo l但genzia delle Entrate, con la Risoluzione n. 102/E del 30/07/2004 (in Guida Normativa del Sole24Ore n. 166 di marted 14 settembre 2004, pagg. 10 e ss., nonch Guida Normativa del Sole24Ore n. 173 di gioved 23 settembre 2004, pagg. 15 e ss.), nel realizzare gli investimenti agevolabili con il credito d段mposta il contribuente non pu discostarsi da quanto indicato nell段stanza di ammissione inoltrata al Centro Operativo di Pescara; ogni variazione rispetto al piano proposto in origine comporterebbe, infatti, la decadenza dai benefici concessi.

La suddetta rigida interpretazione, sulla quale non concordo assolutamente perch la legge non prevede alcuna tassativa ipotesi di decadenza nel caso da Lei sottoposto, stata, peraltro, parzialmente attenuata dalla stessa Agenzia delle Entrate con la successiva Risoluzione n. 137/E del 16/11/2004 (in Guida Normativa del Sole24Ore n. 224 di marted 14/12/2004, pagg. 12 e ss., nonch in Corriere Tributario IPSOA n. 1/2005, pagg. 78 e ss.).

Nella suddetta Risoluzione n. 137/E, l但genzia delle Entrate ha precisato che nell段stanza di rinnovo per l誕ttribuzione del credito d段mposta si pu ridimensionare l段mporto inizialmente previsto, omettendo alcuni investimenti, ma necessario che non ne vengano inseriti altri appartenenti a tipologie diverse da quelle indicate nella richiesta originaria, nonch in tutte le domande eventualmente presentate nei successivi periodi d段mposta e non accolte per insufficienza di fondi.

In definitiva, secondo me, anche alla luce del contrasto amministrativo all段nterno della stessa Agenzia delle Entrate, nel caso specifico da Lei sottoposto, il credito d段mposta utilizzabile in funzione degli acquisti pari ad euro 41.400, logicamente rispettando i limiti percentuali di cui al succitato art. 62 e ci in quanto alcuna ipotesi di decadenza tassativamente prevista dalla legge in caso di ridimensionamento dell段mporto originario dell段nvestimento.

Nel ringraziarLa per i complimenti che ha voluto farmi, Le porgo distinti saluti.