PARERE

Dettaglio parere dell'Avv. Maurizio Villani in materia fiscale e tributaria

20/11/2004

Calcolare l'investimento netto del credito d'imposta

Quesito

Per calcolare l'investimento netto del credito d'imposta Ŕ necessario sottrarre dall'investimento lordo gli ammortamenti dei beni rilevanti.

A questo proposito vorrei sapere se per quei beni ad utilizzo promiscuo (es. auto e motociclo) gli ammortamenti che rilevano sono quelli contabili o quelli fiscalmente detraibili e detratti e eventualmente la circolare in merito alla problematica.

Inoltre vorrei sapere se con il credito approvato dall'RTS Ŕ necessario sempre mettere il timbro sulle fatture oggetto di agevolazione.

La ringrazio per la disponibilitÓ.

Parere

Il calcolo degli ammortamenti deve essere fatto tenendo conto solo della normativa fiscale, come Ŕ stato chiarito dall'Agenzia delle Entrate - Direzione Centrale Normativa e Contenzioso -, con la circolare n. 38 del 09/05/2002 (punto 5.4).

Infatti, per i mezzi di trasporto, l'ammontare dell'investimento Ŕ determinato in misura corrispondente al costo di acquisto fiscalmente rilevante, ai sensi dell'art. 121-bis del TUIR (oggi, art. 164 DPR n. 917 del 22/12/1986, come modificato dal D.Lgs. n. 344 del 12/12/2003).

Si precisa, inoltre, che il costo del bene agevolato deve sempre assumersi al lordo dell'iva indetraibile, ai sensi dell'art. 19-bis DPR n. 633 del 26/10/1972 e successive modifiche ed integrazioni, come peraltro ho chiarito nella mia monografia sul tema dei crediti d'imposta, che pu˛ interamente scaricare dal mio sito (Monografia sui crediti d'imposta aggiornata al 03 maggio 2004).

Infine, contrariamente a quanto scritto dall'Agenzia delle Entrate nella circolare n. 41 del 18/04/2001 (punto 4), non Ŕ necessario apporre il timbro sulle fatture oggetto di agevolazione, tenuto conto che la normativa in questione non prevede assolutamente a pena di revoca il suddetto incombente formale.