PARERE

Dettaglio parere dell'Avv. Maurizio Villani in materia fiscale e tributaria

24/11/2004

Lavoro a domicilio - parte I

Quesito

Le chiedo un nuovo parere:
un lavoratore che con accordo ditta, puo' alle volte svolgere il proprio lavoro da propria abitazione (non quindi telelavoro vero e proprio).

La ditta vorrebbe rimborsargli un forfait per l'uso di una parte dell'appartamento, e un tot per spese luce, riscaldamento, pc secondo il Suo parere, se tali importi seppur a forfait sono effettivamente proporzionati, possono essere esenti fiscalmente?

La ringrazio.

Parere

L'art. 46, comma primo, D.P.R. n. 917 del 22/12/1986 (oggi art. 49, comma 1, nuovo TUIR, a seguito delle modifiche intervenute dall'01/01/2004 con il D. Lgs. n. 344 del 12/12/2003), testualmente dispone che sono redditi di lavoro dipendente quelli che derivano da rapporti aventi per oggetto la prestazione di lavoro, con qualsiasi qualifica, alle dipendenze e sotto la direzione di altri, compreso il lavoro a domicilio quando Ŕ considerato lavoro dipendente secondo le norme della legislazione sul lavoro.

Tenuto conto della nozione generica di lavoro dipendente come sopra esposta, nel caso da Lei prospettato ritengo che le somme debbano essere assoggettate a regolare tassazione, non essendo, peraltro, prevista alcuna specifica esenzione fiscale in proposito.