PARERE

Dettaglio parere dell'Avv. Maurizio Villani in materia fiscale e tributaria

18/01/2005

Ricorso Commissione Tributaria: rigetto istanza di sospensione

Quesito

Premessa: la scrivente ha proposto ricorso alla Commissione tributaria avverso atto di irrogazioni sanzioni previste ai sensi dell'art. 3, comma 3, del D.L. 22.02.2002 n. 12, convertito dalla Legge 23.04.2002 n. 73 (lavoro irregolare).

Fatto: la Commissione tributaria ha cominicato che Ŕ stata emessa l'ordinanza n..... depositata il..... con il seguente testo RIGETTA L'ISTANZA DI SOSPENSIONE.

Per 'vie brevi' la commissione ci ha comunicato che questo Ŕ un 'modulo tipo' utilizzato per tutti i ricorsi discussi per la stessa tematica e che si Ŕ in attesa che si pronunci la Corte Costituzionale in tal senso.

Comunque non vi Ŕ la volontÓ attualmente di procedere da parte dell'amministrazione all'iscrizione a ruolo dei predetti debiti.

Dopo quanto esposto Mi chiedo e chiedo a Voi, qual'Ŕ il comportamento opportuno da seguire?

Ringraziando anticipatamente, con cordialitÓ.

Parere

Gentile Dott.ssa, in merito al quesito che mi ha posto, Le preciso quanto segue.

In effetti, la Corte Costituzionale il prossimo 09/02/2005 dovrÓ pronunciarsi sulla costituzionalitÓ o meno dell'art. 3, comma 3, della Legge n. 73 del 23/04/2002, in quanto quel giorno saranno in discussione le cinque ordinanze di rimessione da parte delle Commissioni Tributarie di Perugia, Bologna e Trento.

Pertanto, tutti siamo in attesa di conoscere il responso della Corte Costituzionale.

In ogni caso, non posso fare a meno di criticare il rigetto della domanda di sospensione, ex art. 47 D. Lgs. n. 546 del 31/12/1992, proprio perchŔ l'attesa pronuncia costituzionale avrebbe dovuto giustificare la sospensione dell'atto impugnato per evitare iscrizioni a ruolo da parte dell'ufficio competente.

Distinti saluti.